Posts Tagged ‘disegno’

And Justice for all

aprile 8, 2017

Pennarello + liner 0,3 + colorazione digitale.
Soggetto ripreso da Humus Graphicus, di Moreno Chiacchiera
Molto divertente.
Circa 1 ora.

Annunci

Arivo!

gennaio 28, 2017

arrivo

Inizio il 2017 con uno schizzo veloce al bel film visto ieri sera; Arrival.

Divertente, 15 minuti, solo digitale.
Arivo!

Fargo

novembre 29, 2015

FargoOK

Se non hai un cazzo da fare, disegna

agosto 5, 2015

Sono un autodidatta della matita, mai imparato sul serio, mai seguito lezioni.

Se avessi la possibilità di utilizzare la macchina di Matrix che permette a Neo in pochi secondi di conoscere e applicare le arti marziali e tutto il resto, beh, dopo il pianoforte e la chitarra, io vorrei imparare sul serio a gestire la matita.
I segni sono difficili da gestire.

Per me il disegno è terapeutico, rilassante, dinamico, e appena posso lo faccio in diverse forme.
Secondo me nel tempo sono anche migliorato… Secondo me appunto.
(Non credo sia così assurda come osservazione dai.)

Mi piace mischiare le tecniche – in reltá perché non le conosco davvero – e seguire alla cazzo di cane le idee che ho in mente.

Ho in essere un solo vero progetto concreto (tutte le Cittá invisibili di Calvino illustrate – sono fermo a poco meno di 10 su 55 se non sbaglio), più tanti altri disegni extempore.

Pochi giorni fa volevo cimentarmi in un ritratto, perché non lo avevo mai fatto e perché le città di Calvino sono adatte all’inverno per quanto assurde e cupe.

Ne é uscito un Walter White a penna (della serie Breaking Bad per chi é cosi ignorante di serie tv) su sfodo giallo pennarello Pantone.

Giú di critiche dai.

Date retta. Se non avete nulla da fare, le cose disponibili che non fanno mai male sono la musica, un libro, una matita e ovviamente l’amore…

   
   

“Professore, mi giustifico”

marzo 23, 2013

“Cazzo” pensavo “é quasi un mese che trascuro il mio blog”…

Cazzo, non va bene.

Succede sempre una, due volte l’anno, che cause di forza maggiore mi si allontana inconsciamente da questo spazio; chi lo fa si sa, ma non lo fa apposta.

In certi momenti, in quei momenti, il cervello non ha voglia di generare informazioni, il tempo ti prende per il culo con pernacchie da dietro, il lavoro ti risucchia nel suo vortice nero e qualche birra (di troppo) fa ballare quella parte di ipotalamo ancora vogliosa di scrivere.
E che ci vuoi fare… Temporeggi, e via.
Come sto facendo ora. Temporeggio.
E faccio un post così.

Va bene, diamogli un minimo di senso: questo é il disegno di mio cugino Claudio Bignami, io ho curato la fase di colorazione. Credo che dal binomio sia venuta una bella immagine.
Ciao

20130323-192304.jpg


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: