Archive for the ‘Design’ Category

Joker per il Tiferno Comics 2017

ottobre 15, 2017

Ho realizzato la colorazione di questo bellissimo Joker di Davide Cassano, giovanissimo e talentoso disegnatore perugino.
Eccone il risultato finale…

L’opera era visibile, insieme a tante altre dello stesso tema, a Città di Castello per il Tiferno Comics 2017, nella mostra collettiva sul cattivo di Gotham City abbinata a quella ufficiale su Batman, con artisti internazionali e stepitosi quali Ortolani, Zerocalcare, Bianchi, Castellini, Lozzi…

La tecnica e il tema erano liberi, e Davide ha dato grande sfogo alla sua gran creatività.

Spero vi piaccia.

Formato A3, colorazione di circa 4 ore.

Joker

Questa sotto invece è il disegno originale.
Grazie dell’opportunità Davide!
Alla prossima matita 🙂

JokerRaw

E sotto, durante la visita alla mostra, la mia solita faccia da ca**zo di fronte all’obiettivo fotografico
IMG_3627

Annunci

And Justice for all

aprile 8, 2017

Pennarello + liner 0,3 + colorazione digitale.
Soggetto ripreso da Humus Graphicus, di Moreno Chiacchiera
Molto divertente.
Circa 1 ora.

Arivo!

gennaio 28, 2017

arrivo

Inizio il 2017 con uno schizzo veloce al bel film visto ieri sera; Arrival.

Divertente, 15 minuti, solo digitale.
Arivo!

Ackbar

dicembre 15, 2016

ackbar

Oggi esce Rogue One, una storia Star Wars.
So solo che è una sorta di spin-off a cavallo dell’Episodio III e IV (sarà vero?).
Mi sono quindi immaginato un giovane Ammiraglio Ackbar, uno che fra i personaggi sta serenamente fra la top five, che già pensava alle trappole imperiali.
Un’oretta di pittura. Divertente.

It’s a trap!

Gatta

settembre 20, 2016

hendrix

Non è mica facile disegnare un gatto!
Ringrazio la modella Hendrix per la posa concessa.
Non troppo divertente, circa 1 ora di pittura digitale.
M

Hendrix, il canguro

settembre 20, 2016

Ad Hendrix piace dormire con un canguro di peluche.

Sono più o meno della stessa stazza… per ora.

hendrixthecat_3

 

Hendrix, la chitarra

settembre 12, 2016

Io ho una chitarra, una Fender Telecaster bianca e nera.
Come Hendrix, una gatta bianca e nera.

hendrixthecat_2

Hendrix, la gatta

settembre 11, 2016

Ieri è arrivata Hendrix, la mia prima gatta da quando vivo solo.

Immagino i suoi pensieri e mi fanno ridere…

Ciaohendrixthecat

 

PesceMostro

giugno 12, 2016

FishManFirmato

PesceMostro
Prima la matita e poi i colori digitali.
Circa 3 ore.
Oltre 50 livelli (troppi)
Molto divertente.

Qui sotto il passaggio dal liner nero poi scannerizzato e passato quindi ai colori digitali.
🙂

LinerColori

The revenant

aprile 28, 2016

Leo

Di nuovo alle prese con un volto. E credo che, visti i risultati, non ci tornerò prestissimo: gli occhi sono molto molto difficili e quindi sono venuti brutti, non riescono mai a piacermi.
Non so se è la scena, ma il disegnarlo mi ha messo freddo che non vedo l’ora di andare a letto.

Circa 4 ore di lavoro.
Elaborazione strana: veloce in alcuni punti, estremamente complessa in altri.

🙂

Trinità

aprile 18, 2016

Trinità

La mia esposa stava al fiume señor, a lavare… un gringo l’aggredì e la voleva… e ho corso in suo aiuto… avevo il coltello… quello mi guarda con gli occhi spalancati e muore… nel cadere avrà battuto la testa… io gli ho dato solo qualche coltellata…
(il Messicano a Trinità)

Omaggio a quel gran bel film di Lo chiamavano Trinità.
Circa 4 ore, forse qualcosina più.
Mi piace.
Mi basta. 🙂

La gif
Trinità

Particolari
Part

Minion

aprile 9, 2016

Minion

Presto il protagonista sarà testimonial per una campagna del mio paese.
Circa 4 ore. Fa ridere.

Mimetizziamoci!
Mimetizziamoci

Un particolare
Particolare

E la gif.

Minion

Porcupine

marzo 25, 2016

Lei

Ancora alle prese con Edward Hopper.
Il titolo originale dell’opera è Morning sun, il mio è Porcupine (inutile spiegarvi perché).

Tante tante ore, forse 7, ma moltissimo divertimento.
Prospettive impossibili, ma poco importa.
Acquisisco nuove tecniche, non vedo l’ora di tornare a metterle in pratica.

Dedicato ad Elena 🙂

Nottambulo

marzo 13, 2016

Nottambulo

Omaggio al più grande artista di sempre.
Circa 2 ore.
Particolare liberamente tratto da Nighthawks di Edward Hopper.

Not

I love you Jessica

marzo 7, 2016

Angela

Tanti tanti livelli.
I ritratti non sono facili,
mi diverto molto

Fletto i muscoli e sono nel vuoto!

gennaio 10, 2016

Il supereroe italiano più fico del mondo dei fumetti.
Schizzo di 15min, poco lavoro ma tanto tanto divertimento

RatManBlog

Blade Runner

gennaio 4, 2016

Con l’arrivo dell’anno nuovo è arrivata anche la pioggia…

Tutti questi momenti andranno perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia.

Buon 2016 a tutti.

BladeRunner

Star Wars – The force awakens

dicembre 15, 2015

Domani è il 16 dicembre, domani esce Star Wars!
Che la forza sia con voi.

Yoda

Yoda

Jimi Hendrix

dicembre 6, 2015


Jimi

Jimi

Napoleone

dicembre 5, 2015

Napo

Fargo

novembre 29, 2015

FargoOK

Acquaforte per Zach

maggio 12, 2013

L’occasione era speciale, o la facevo ora o non l’avrei mai più fatta.
Sto parlando della personale realizzazione di un acquaforte per Zach, un mio amico americano in ripartenza per gli States dopo anni, 11 se non sbaglio, vissuti qua a Perugia.
Volevo un regalo speciale, per una persona speciale.

Piccola parentesi: la città dovrà necessariamente fare a meno della persona che ama la nostra città più di ogni altro perugino messo insieme che io conosca (ad eccezione di mio padre!). Peccato davvero. Vabè che tornerà ogni tanto, ma sarà dura!

Torniamo all’acquaforte.
Per chi non lo sapesse un’acquaforte è “… una tecnica calcografica molto diffusa, consistente nel corrodere una lastra di metallo (zinco di solito; rame per grandi tirature, come nel passato) con un acido, per ricavarne immagini da trasporre su un supporto (carta normalmente) per mezzo di colori” (da. Wikipedia)

Bene, ma come si fa un’acquaforte?
Io l’ho fatta e ve lo spiego passo passo, ma premetto una cosa: senza l’aiuto grandissimo di mia cugina Chiara e della sua potente pazienza, non sarei mai ruscito a stampare nemmeno un francobollo!
Grazie tanto Chià!

PUNTO 1
Fatevi un disegno che volete stampare, mi raccomando, che sia fico.

PUNTO 2
Ricalcatelo nella carta velina con un pennarellino

IMG_0323

PUNTO 3
Tagliate una lastra di zinco nella misura del vostro disegno. La lastra va poi limata nei bordi per evitare che in fase di stampa la lastra molto affilata tagli la carta e ripulitela con la nitro.

IMG_0322

PUNTO 4
Verniciate la lastra con una vernice speciale; questa eviterà che l’acido la corroda nelle parti che non volete stampare… (non mi sono segnato il nome, ma è una vernice apposita per acquaforte).

IMG_0337

IMG_0330

PUNTO 5
Affumicate la vostra lastra nel lato stampa finché non sia completamente nera! (puzzerete di petrolio e fumo!)

IMG_0345

IMG_0346

PUNTO 6
Riprendete il vostro disegno su velina e cospargetelo di borotalco. Aiutatevi con del cotone tamponando su tutto il disegno il talco. Dopodiché girate la vostra velina inborotalcata sulla vostra lastra affumicata. Ricalcate il disegno con la punta di una micromina facendo attenzione a non muovere il foglio sulla lastra (rischierete altrimenti di cospargere il talco su tutta la lastra). Finito di riscrivere il vostro disegno, alzate piano piano il foglio. Il risultato sarà una traccia di talco nell’affumicatura del vostro disegno. Questo sarà ciò che dovrà essere inciso.

IMG_0349

IMG_0352

IMG_0352

IMG_0354

IMG_0357

IMG_0358

PUNTO 7
La parte più divertente. Va incisa la lastra con una spilla da balia attrezzata a mo’ di matita. Tutto il disegno di base aggiungendo elementi di dettaglio che il talco non è riuscito a imprimere nell’affumicatura. Divertitevi, sperimentate i tratti, aggiungete ombre, elementi, insomma, rendetela vostra.
Sappiate però una cosa “l’acquaforte non perdona” , un errore di incisione rimarrà per sempre, non ci sono sistemi per nasconderli ne MelaZ da cliccare…

IMG_0364

IMG_0366

IMG_0372

IMG_0373

PUNTO 8
(Non ho foto di questa parte. Cerco di spiegarvela al meglio).
La lastra va quindi trattata con acido: la morsura.
Una miscela di acqua e acido (vi dirò presto il rapporto esatto), in una bacinella. La lastra della bacinella per circa 40 minuti.
Ogni 10 minuti con una piuma muovete l’acido: quando la lastra smetterà di fare bollicine allora la morsura sarà finita.
È la parte più importante, ma io non mi sento di spiegarla molto, non c’ho capito un cazzo!!!

PUNTO 9
Inizia la fase di stampa! Qui viene il bello.
Stendete il colore (nel mio caso era il blu) con una spatola di plastica in tutta la lastra, coprendo bene tutte le incisioni.
Dedicateci tempo mi raccomando.
Passate la TARLATANA, un tessuno molto leggero e non abrasivo, un derivato del cotone credo; questa andrà passata in tutte quelle zone che nel disegno che avete in mente non dovrà avere inchiostro.
Cerco di spiegarmi meglio: l’inchiostro finisce nei solchi dell’incisione e quelli verranno sicuramente stampati, ma le altre parti non incise verranno pulite con questo tessuto. Più pulirete più la stampa in quel punto verrà la stampa color carta.
Meno pulirete l’immagine più in quel punto avrà il colore dell’inchiostro (guardate la foto della stampa finale, l’ultima; vedete come negli angoli ci sia più colore? quella è una scelta mia per dare un effetto vignettatura alla stampa. In sostanza in quei punti non ho passato molta tarlatana.
La lastra è quindi pronta per essere fisicamente stampata.
Mettela sopra il foglio di carta precedentemente imbevuto d’acuqua e passatela al torchio piano.
Voila!

IMG_0425

IMG_0451

IMG_0457

IMG_0429

IMG_0434

IMG_0439

IMG_0442

IMG_0444

IMG_0469

PUNTO 10
Ecco il risultato finale.
Godetevelo.
Spero che abbiate un TORCHIO per provare questa bellissima cosa della stampa in serie. Dopo stampato va tenuto in pressa per un paio di giorni. Poi è pronto per essere Incorniciato

Emozione altissima, e il regalo è stato moooooolto apprezzato!!
IMG_0481

CIAO ZACH, buon viaggio!
Ci vediamo negli States!

PaesaggioPolaroid

febbraio 25, 2013

L’amica Dozza mi ha regalato una vecchia macchina Polaroid.
Sistemando la soffitta ha trovato questo bel gingillo, e ha fatto la cosa migliore, me l’ha regalata!

Compresa alla macchina mi ha dato anche un rullino scaduto nel lontanissimo 1999!
Ho iniziato subito a scattare, ero troppo curioso.

Il risultato lo vedete sotto.
Pellicola scaduta, foto irrealizzate, ma sorpresa inattesa!!
Ma mi sono piaciute comunque, e le ho abbellite un po’…

Lo trovo un bellissimo paesaggio.

Photo 25-02-13 20 13 28

paura

Questione di corna

febbraio 11, 2013

HORN

– – – – –

OGNI MOMENTO HA LE SUE CORNA GIUSTE

– – – – –

ROCK ON
Le corna delle corna!
Tecnicamente andrebbero alzate ai concerti rock appunto, poi però si ha notizia di corna alzate al cielo e sventolate all’impazzata anche all’ultimo concerto di Britney Spears!
Usatele se una cosa vi pare fica, se approvate, se siete stati fortunati, se vi è successa una cosa molto bella, se credete in quello che avete fatto. Ma anche per “proteggervi dal maligno” e se siete al concerto (rock) se il pezzo spacca. Rock On!

Come si fa: Indice e mignolo alzati, pollice che chiude medio e anulare.
Note: Sventolare a tempo.

– – – – –

I LOVE YOU
Comunemente chiamato ILY
Deriva dal linguaggio dei segni. La I è il mignolo, la L l’indice e il pollice, la Y il mignolo e il pollice. Ti amo!
Spesso viene usato erroneamente come il Rock On, beh, poco male, alla fine il rock è amore.
Usatelo come passe-partout per ogni cosa che vi appassiona, se siete felici, di buon umore e volete infondere buone sensazioni intorno a voi.

Come si fa: Indice e mignolo alzati, pollice aperto.
Note: Sventolare a cazzo di cane.

– – – – –

SHAKA
L’hawaiiano che fa tendenza!
Sinceramente lo trovo un po’ troppo modaiolo, ma in questo Bignami di Corna va evidenziato.
Usatelo in spiaggia, al circoletto, fra amici e fra teenager e vi sentirete cool. Semplicemente è un saluto, un Aloha frikkettone e tipicamente australiano. Oppure usatelo come quel coglionotto di Italiauno, così, senza senso.

Come si fa: Pollice e mignolo insieme, fatelo vibrare come faceva Mr.Crocodile Dundee di fronte i coccodrilli e sarete fichi..
Note: Vibrare sull’asse orizzontale della mano.

– – – – –

PICCOLA NOTA:
Se fate una lettera L sulla fronte darete del loser al vostro interlocutore, ma questo è un altro discorso…

ROCK ON!!!

Scusate l’assenza, ma c’è Strudel

marzo 20, 2012

Sono immerso nella produzione 3D questi giorni, tempo materiale e illuminazione celebrale per scrivere fra queste pagine cose intelligenti non esistono.
Cari followers abbiate quindi pazienza!
Ma i blogger non professionisti sono così, non lo sapevate?
Siamo lunatici, assenti, anarchici… facciamo come cazzo ci pare.

Da un po’ i miei alleati sono solo hypernurbs, boleane, hairs e mograph… e il loro caro vecchio papà Cinema 4D.

Voi direte “e che robba è!!??!”
Io dico “robba complicata, molto, che vi fa fare però illustrazioni e animazioni 3D secondo tanti molto belle!”
“ahhhhh, stica!”
“si infatti, stica!”

Intanto per riempire la vostra lettura con un’immagine delle mie godetevi il mio personale guerriero Jedi.

Si chiama STRUDEL
Nato dall’accoppiamento felice fra la sorella del por’ Chewbecca di Star Wars
e di quel pippatore di Sully di Monster and Co, Strudel è appena entrato nella scuola da apprendista Jedi di Naboo gestita dal maestro Yoda,
e visto la mole gli sono state affidate ben due spade laser.
Strudel è quindi un super Padawan!!!

I suoi punti di forza e armi strategiche:
– può lanciare palle di pelo rotanti.
– per autodifesa, può incendiarsi con le spade per poi fare la muta di nuovo pelo in 4,3 sec.
– il suo occhio può generare un fascio laser ipoallergenico.

I suoi punti deboli:
– gli scappa spesso la cacca (pelosa).
– non ha la coda quindi tende a cadere in avanti.
– è allergico al pelo di gatto egiziano.

Cari personaggi del male, abbiate paura.
In pochi mesi Strudel vi annienterà!!!

Che la forza sia con voi.

Prima vera primavera

febbraio 29, 2012


Questi giorni si è sentita nell’aria la prima vera primavera!

Sono fiducioso che l’inverno stia passando definitivamente.
Non so voi, ma io proprio non ne posso più quest’anno.
Finalmente le giornate si allungano, si tira fuori la mountain bike, ci si gode il primo solino.
Si rinasce!
Speriamo solo che duri fino in fondo.
Basta freddo.
Basta maglioni e cappucci.
Basta piumoni sul letto.
Ora sole, per favore.

#1 – il primo post del 2012

gennaio 6, 2012

Il primo post del 2012.
Difficile, lo ammetto.

Saranno i mostri che girano per strada
e quelli che girano nella mente.

Perché la strada oggi è vuota, e la mente pure…
… i mostri girano facilmente…

Trovare le parole per dare inizio
a questo sesto anno di blog non è semplice,
Giocherò sull’idea che questo #1 mostruoso
vi porti fortuna e serenità.
Lui che si incazza e vomita idee.
L’altro che lo guarda contento
e ne prende ispirazioni.

Come disse un amico mio
credete nei sogni e inseguiteli,
sono gratis e regalano tanta forza…

buon anno
m.

The rising two

dicembre 20, 2011

Sento nell’aria il suo arrivo…
Presto, molto presto…
E ‘fanculo i Maya, noi ce lo godremo quest’anno nascente!
Rising up!

Auguri da Brusmat 2011

dicembre 18, 2011

Quest’anno Babbo Natale è un po’ triste; la crisi che attanaglia tutti lo ha lasciato con molte meno cose da fare.
Tra l’altro le renne gli sono fuggite, la Befana non lo chiama più e la slitta non ha ne le ruote termiche ne le catene a bordo, quindi da queste parti non può proprio viaggiare.
Che sfiga!
Insomma, a noi che a tale babbo gli si chiede ogni anno di tutto, quest’anno chiediamogli solo il meglio, così lui fatica e si scazza di meno e noi ci circondiamo solo di cose che servono.

Tanti auguri a tutti… e state bene!

Questo anno di blogging è stato davvero bello!
(se volete farmi un regalo guardate in fondo alla pagina in basso a dx: c’è un flag con scritto “follow”, cliccatelo, aggiungete la vostra email e ogni volta verrete aggiornati sul blog)

PIG, WINE & ROCK N’ ROLL

dicembre 14, 2011

Amici maiali!
Questo sabato 17.12.2011 al WHY NOT CAFE di San Martino in Campo (PG)
l’amico barman Cristian Fioretti ti invita al PIG, WINE & ROCK ‘N ROLL
una serata porca all’insegna dei salumi casarecci e del buon vino rosso umbro.
Il tutto farcito dalla musica dei Twins in Rock!!!
NON MANCATE!

CIP-BEHH-ROAR

dicembre 10, 2011

La mattina di un sabato prenatalizio, con quattro misere ore di sonno e molta voglia di disegnare, porta inevitabilmente alla generazione di mostri in posa, fieri come non mai di essere stati generati da un pazzoide.

Come diceva il grande filosofo Nietzsche:
Bisogna avere un caos dentro di sè,
per generare una stella danzante.

Chennn’èvero?

-_- che sonno

I bucciotti di Sofi per Lorenzo

dicembre 8, 2011

Per la nascita di mio nipote Lorenzo, l’amica Sofia Menconero ha voluto ideare al piccoletto un regalo speciale: una serie di peluche di sua realizzazione, insomma fatti a mano.
Tre bucciotti made in Sofi!

Cosa centro io?
Beh, a me ha chiesto la realizzazione dei tre disegni, con qualcosa di nuovo e ipoteticamente mai visto.
Da questa mia bozza che vedete qui sotto, pensata (dentro il treno di ritorno lavoro-casa) affinché i tre piccoli amici di Lorenzo potessero incastrarsi fra loro ed essere un’entità unica, forte, grande e felice, Sofia ha cucito con le sue mani i tre stupendi peluche che vedete in foto.
Li trovo davvero ben fatti e molto molto belli: dai colori, agli accessori, al materiale scelto.

Questo dimostra secondo me come l’unire le forze e le capacità dei singoli porti ad un risultato davvero più forte e coinvolgente.
E quindi rispondo alla Sofi a quel suo “sapevo che dovevo coinvolgerti” dicendo “hai davvero realizzato ciò che avevo in mente”
BRAVI A TUTTI E DUE!

PS: C’è anche una storia scritta dalla ideatrice dei tre personaggi, ma ammetto di non averla ancora letta.
Bellissimo regalo Dowson! Complimenti!

Halloweennnnnnxxxxxxx

novembre 1, 2011

… e anche questa ce la siamo tolta dalle balle, anzi, dalle zucche…

Escalator

ottobre 18, 2011

Escalator è semplicemente il mio primo video realizzato con Cinema 4D qualche giorno fa.
È stata inoltre fatta una minima post-produzione sui colori, granulosità, sfocatura, vignettatura con Adobe AfterEffects.
Tutto piuttosto semplice, ma divertente un bel po’.
Spero vi piaccia.

Cambiamo discorso

ottobre 7, 2011

Mi sono accorto che negli ultimi due post di questo blog non si è fatto altro che elogi funebri.
Meglio cambiare discorso và.

Questo sopra è un cubo.
Ed è verde.
🙂


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: