T1 fa il bagarino

 Se parliamo di musica, concerti, biglietti… riconoscete la sigla T1?
(Evito di essere più palese, vorrei, ma non posso.)

Se apri il tuo punto vendita per il concerto dei foo fighters, avendo tra l’altro una quasi esclusiva sui biglietti, per richiuderlo dopo 10′, beh, mi viene da pensare che stai giocando sporco.

Per la cronaca:
I foo mettono in cantiere due date in Italia (Torino e Bologna).
I ticket ovviamente se li pappa e li vende T1.
T1 apre il suo store alle 10 di giovedì mattina.
Lo richiude alle 10:10 per esaurimento dei posti disponibili.
Pochi secondi dopo trovi centinaia (sì! centinaia e centinaia!) di biglietti a prezzo praticamente doppio sui principali siti di bagarinaggio online.

Ora, parliamoci chiaro, non puzza di marcio questa operazione?

Visto che inoltre il limite di acquisto dei biglietti le sito di T1 é di 4, come si fa a vendere (a spanne) piu di 30.000 tagliandi in 10′?
Lo trovo quasi impossibile, e soprattutto mi viene da pensare che ci sia una sorta di cartello fra T1 e i bagarini virtuali.

Per me ormai anche andare ad un concerto rappresenta una mezza mossa di mafietta: se stai al loro gioco “vivi”, altrimenti sei tagliato fuori.

Morale della favola? Per me niente foo fighters, perché anche il prezzo di un biglietto ha un suo limite.
Ci porterò a cena fuori Elena con la metà di quei soldi…

Vaffancfoo.

Tag: , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: