Nave senza cocchiere

Dante

L’idea che si stia per formare il terzo governo, sì avete letto bene, il TERZO, non legittimato da nessuno di noi e che rappresenta solo 1.887.396 persone, cioè quelli che hanno votato Renzi (dati alla mano delle primarie PD 2013 – fonte: sito PD), è una cosa che mi fa paura, mi mette ansia, mi sconforta, che mi fa pensare che siamo proprio alla deriva.
Un capo dello stato trasformatosi monarca, una classe politica schizofrenica e delirante contro quella mezzamafiosa e mezzademocristitana. Risultato? Una stasi. Uno schifo. Non si fa nulla… si cambiano le poltrone.

Qui il più furbo vince e la gente giusta sfinisce, si consuma, si logora.
Sembra non ci sia più una dannata chance, sembra che è solo così che le cose possono andare.

Io sono molto stanco, e capisco chi se ne va o chi scrive queste cose (sono con te!).
Amo l’Italia con tutto il mio cuore, non me ne andrò.
Ma ci stanno spremendo, ci stanno letteralmente smidollando e finché non si renderanno conto che non ci sarà più nulla da succhiare, ci lasceranno così. Ma forse sarà già troppo tardi… Cosa possiamo fare noi?

Quando l’Italia era corrotta e decadente, Dante scrisse questa cosa:

Ahi serva Italia, di dolore ostello,
nave sanza nocchiere in gran tempesta,
non donna di provincie, ma bordello!

Erano gli inizi del 1300, il 6° canto:
A me sembra non sia cambiato un cazzo.

Tag: , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: